sei nel Sito di Zappetta Gialla              dedicato alla ricerca dell'Oro.  

Vai Home page   Vai al Sommario   Scrivimi in privato

Tramite questo Sito puoi chiedermi e scrivermi qualsiasi cosa abbia a che fare con la ricerca dell'Oro in Italia: riceverai sicuramente una risposta.

 

 

ovadese e gruppo Voltri

                                         

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003)   web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006)   

OVADESE E GRUPPO DI VOLTRI SEZIONE MINIERE: QUINDI ANCHE VAL GORZENTE E TERRITORI LIMITROFI. Per vedere invece i suoi fiumi e torrenti auriferi riferirsi alla corrispettiva sezione.

 

 

Ringrazio qui il dott. Pipino per avermi gentilmente permesso di utilizzare il contenuto delle sue importanti pubblicazioni affinché io abbia potuto comporre le schede che descrivono la situazione sulle  miniere d'Oro della val Gorzente e di Ovada.  

 

Ovada : 120 Km da Torino

120 Km da Milano

 

 

44 da Alessandria

 

39 da Genova

 
 

BREVE PREMESSA, (che è la stessa della sezione riguardante i fiumi auriferi di questa zona.): quando decisi di approfondire le argomentazioni riguardanti l'ovadese e dintorni, mi resi conto che per semplici questioni di confini provinciali e regionali sarei stato costretto a frazionare (e distribuire) molti depositi auriferi che geograficamente sono in realtà poco distanti l'uno dall'altro, il che avrebbe causato dispersione informativa sul contesto. In considerazione di questo mi venne allora in mente che questi giacimenti hanno in realtà una cosa che li accomuna e cioè che fanno tutti parte di quello che geolocicamente viene definito Gruppo di Voltri. Ecco dunque trovato un razionale motivo per raggruppare in un'unica sezione le minere dell'ovadese, della Val d'Orba, Val Gorzente ed altre varie in zone limitrofe; rimaneva però (giustamente) estranea a questo distretto aurifero buona parte della val d'Orba settentrionale, ma considerando che a livello storico vi furono fatte ricerche minerarie quasi in simbiosi con quelle di cui sopra, mi sono permesso d'includere ugualmente nel contesto anch'essa. Per quanto riguarda invece le miniere ed i fiumi auriferi del Gruppo di Voltri posizionati in territorio ligure, questi sono descritti nella sezione Liguria, assieme al resto che le compete.

val gorzente,ovadese e val d'orba fiumi con oroDa notare che Le antiche miniere d'oro di Ovada vengono ancor oggi confuse,anche dagli stessi abitanti locali, con quelle della Val Gorzente, poste queste ultime a circa tre o quattro chilometri di distanza. In alcune pubblicazioni del periodo 1976/1978, Il dott. Pipino distinse però i due giacimenti, anche se la delimitazione delle singole miniere ed il loro studio geologico fu allora possibile solamente per la Val Gorzente. Susseguenti rinvenimenti presso il Distretto Minerario di Torino permisero poi una descrizione più approfondita nonché storica anche per quanto riguarda le vicine miniere di Ovada chiarendo così definitivamente la specificità delle giaciture d'oro ovadesi. In questa sezione si descriveranno dunque tutte le località piemontesi del Gruppo di Voltri (per l'entroterra genovese e di Savona riferirsi invece alla Liguria) ed in più l'intera Val d'Orba. 

 
 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

miniere ovadesi
miniere Val Gorzente

Vai Home page   o  al Sommario

1) Puoi anche vedere il mio Forum gratis fatto per dialogare tra voi.

Traduire/Translate/Ubersetz.

2) Nuovo Forum gratis tradizionale (dei due conserverò il più usato).

All contents copyright
© 2003--2004 VDA
All rights reserved.

No portion of this service may be reproduced in any form, or by any means.

E' un Sito di oltre 400 pagine per cercatori d'oro amatoriali: se non trovi soluzione ai tuoi interrogativi, scrivi a Zappetta Gialla e riceverai in un paio di giorni una personale risposta.

Se vuoi puoi anche collaborare inviando del materiale utile, compresi eventuali resoconti di esperienze personali: le schede che realizzerò riporteranno il tuo nome in testa alla pagina (vedi qualche esempio).

Oltre alle conseguenze sgradevoli cui spesso s’incorre, tipo intervento diretto da parte di terzi legittimamente interessati, copiare o utilizzare i contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti...

Questo sito è ottimizzato per Internet Explorer: può darsi che con Mozilla appaia un po'scombinato.

Vedi tutte le indicazioni stradali e chilometri  con Google
fo

Una curiosità: per vedere questo sito basta che nel motore di ricerca preferito  scrivi: zappetta gialla